LO STRAPOTERE DEL POTERE

Ma sin dove arriva la potestà del potere in una supposta democrazia?
Oggi le prime pagine di molti giornali riportano una notizia sulla possibile istituzione di
un limite di velocità generalizzato di 30 km/h in tutto il Comune di Milano.
Come faranno i ciclisti con bici elettrica ed i monopattini????
Milano a 30 all’ora

Il tema si ripropone per una infinità di provvedimenti coercitivi, di livello comunale ma anche regionale o statale. Sin dove può spingersi il POTERE conferito per via elettorale ad un organismo (non dimenticando altri poteri conferiti alla Pubblica Amministrazione, non si sa da chi ma certo non per via elettorale diretta).
In apparenza questo potere non ha limitazioni: il MANDATO elettorale NON ESISTE, cioè non sta scritto da nessuna parte a quale scopo i cittadini eleggono una rappresentanza politica. Il programma elettorale non solo non è vincolante, ma neppure esaustivo di quanto è, di fatto, nelle facoltà del potere eletto.
Perciò una qualsiasi maggioranza politica può fare il bello ed il cattivo tempo.
I provvedimenti approvati dal sindaco di un comune, quali che siano, sono LEGGE, ed infrangerli comporta sanzioni della cui osservanza, almeno in teoria, si fa carico la Magistratura.
La nostra Costituzione prende in considerazione tre soli poteri (legislativo, esecutivo e giudiziario) con i primi due affidati al Parlamento ed al Governo che gode della sua fiducia, mentre il terzo è affidato ad un organo NON elettivo, ma burocratico: la Magistratura.
Non mi pare che la Costituzione faccia esplicita menzione di una simile riproduzione di poteri a livello comunale o regionale, tanto è vero che la Magistratura è una sola, sebbene la Giunta comunale sia assimilabile al governo statale, ed il consiglio comunale al Parlamento.
E ad ogni modo, anche guardando allo Stato, fino a dove può spingersi il potere di una maggioranza politica?
Dove si spinga il potere delle dittature lo sappiamo bene, ed è cosa di massima attualità (Russia, Iran, ecc) ma è ammissibile che in una DEMOCRAZIA non debbano esistere limiti invalicabili alla discrezionalità del POTERE?

Franco Puglia
10 gennaio 2023

PER UNA DESTRA LIBERALE

Questo quadro di Eugène Delacroix descrive in una sintetica immagine dove NON vogliamo arrivare. Ma è qui che ci conducono le politiche di tanti nostri connazionali, non lontane da quelle europee. E queste politiche vengono sostenute, purtroppo, dall’ignoranza diffusa e dall’incapacità di analisi della realtà della maggioranza degli italiani, unitamente ad una rete di interessi consolidati che ostacolano qualsiasi cambiamento in chiave di progresso vero, non di finto progressismo di sinistra.

Siamo ad elezioni anticipate, attese da molti, contrastate da tanti altri. La parabola di Draghi, come tante altre, è giunta al termine; me ne dolgo? Si è no. L’uomo, certamente, emerge al di sopra della massa informe della nostra politica, ma questo non mi basta.
Ho apprezzato il fatto che fosse un uomo del FARE, ma di QUALE fare è un altro discorso. Draghi mi sembra appartenere ad una classe sociale orientata alla nuova sinistra, quella tinta di verde invece che di rosso, ma con tutti i limiti, per non chiamarli diversamente, di questo orientamento politico. Ne è prova l’aver favorito una politica monetaria europea molto espansiva, tipica dei Keynesiani, forse anche necessaria in alcuni momenti ma espressione, comunque, di una visione degli stimoli allo sviluppo che appartiene alla tradizione socialista, non a quella liberale.

Adesso siamo di fronte alla tornata elettorale del 25 Settembre: per arrivare dove? Cosa cambierà l’assenza di Draghi? Certo, auspicabilmente avremo un movimento 5 stelle ridotto alla inconsistenza e non più in grado di nuocere, condannato a vociare dall’opposizione, ma ci saranno una maggioranza ed una opposizione? Non è scontato. Il successo del centro destra a trazione Meloni, più che Salvini, con la coda berlusconiana, non è poi tanto gradito alla maggioranza degli Italiani, che sono alla ricerca di ALTRO, una alterità che non hanno la capacità di immaginare e tantomeno di esprimere.
Quindi una prospettiva possibile e realistica è la frammentazione, e l’impossibilità di formare una maggioranza di governo.
Se invece il centro destra riuscisse a raggiungere la maggioranza relativa dei voti, pur di fronte ad un astensionismo massiccio, quali sono gli esponenti di rilievo capaci di formare un governo credibile, capace di invertire la rotta e di allontanarci da quello scenario desolante espresso nel quadro di Delacroix? Nessuno ha la risposta.

Inutile dire che serve un nuovo e credibile movimento di massa capace di staccarsi dalla palude socialista i cui miasmi stanno soffocando l’Europa ma anche dalle rigidità della destra storica, quella che si ispira più al fascismo che alla democrazia, quella pur sempre statalista e non liberale, anche se non all’interno di una visione ideologica socialista.
E serve anche imprimere una robusta svolta all’intera Europa, non soltanto all’Italia, all’interno di un clima internazionale drammatico, condizionato dalla feroce guerra della Russia contro l’Ucraina.
Non solo, perché questa guerra, all’interno di una situazione economica deteriorata dal caro energia e dall’inflazione, sta riproponendo una spaccatura profonda, ma anche ostile, tra Occidente, espresso dal patto atlantico anche inespresso tra USA ed Europa, ed il continente eurasiatico, che va dalla Russia alla Cina, con connivenze pericolosissime nel mondo islamico, a partire dalla Turchia, un incredibile partner della Nato, amico della Russia, certo non dell’Europa, serpe in seno all’Occidente, che preferisce far finta di niente, per non consegnare ufficialmente alla Russia il deterrente militare turco oggi almeno neutrale, se non concretamente alleato dell’Occidente.

Ma la ricostruzione di una politica liberal popolare richiede tempo, mentre le nostre elezioni sono DOMANI, e manca il tempo per fare qualsiasi cosa. Ma si potrebbe almeno iniziare, cominciando a porre le basi per affrontare un futuro che si presenta pieno di incognite.

Ing. Franco Puglia
22 Luglio 2022