LO DICONO AUTOREVOLI SCIENZIATI; LA POLITICA NON SI FA DELLE DOMANDE?

AS CAREER PHYSICISTS, SCIENCE DEMONSTRATES THERE IS NO CLIMATE RELATED RISK CAUSED BY FOSSIL FUELS AND CO2, THUS NO SCIENTIFIC BASIS FOR THE PROPOSED RULE, AND, IF ADOPTED, DISASTROUS CONSEQUENCES FOR PEOPLE WORLDWIDE AND THE U. S. BECAUSE IT WOULD REDUCE CO2 AND THE USE OF FOSSIL FUELS.

Tutti i dettagli, con le credenziali degli scienziati, su : https://drive.google.com/file/d/106wBA7Syf-pz_StA86QVHb1V-12jZdfa/view?usp=share_link

I relatori sono estremamente autorevoli sotto il profilo scientifico.
Se queste cose le sostengo io, chi la pensa diversamente può anche snobbarmi come un incompetente, cosa che non sono, pur senza vantare titoli accademici.
Ma se nel mondo della scienza numerosi personaggi di analoga autorevolezza sono in completo disaccordo, su che basi può la politica, scientificamente ignorante, decidere a favore dell’una o dell’altra tesi?
Nel dubbio astieniti, dice l’antica saggezza popolare di sempre. Nel dubbio, non stravolgi la vita della gente in Europa e/o nel mondo per condurre una battaglia insensata contro un gas, la CO2, IN ASSENZA DEL QUALE NON ESISTEREBBE VITA SUL PIANETA !!!

Quando esistono PROVE SCIENTIFICHE di qualcosa, se sono PROVE, debbono essere inconfutabili, altrimenti sono TESI, non prove. Per condannare a morte un presunto assassino devi PROVARE AL DI LA DI OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO che l’imputato abbia commesso il delitto, altrimenti lo assolvi.

Non solo: visto che, comunque, quali che siano le cause, è certamente vero che ci siano cambiamenti climatici in corso, come ci sono sempre stati da quando esiste il pianeta, e visto che contrastare le intemperanze climatiche non fa schifo a nessuno, FACCIAMO PROGRAMMI DI RIFORESTAZIONE MASSICCIA SUL PIANETA, prima ancora di pensare alle FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE, utili per motivi diversi. La vegetazione mitiga il clima, riduce la temperatura ambiente, combatte la desertificazione ed assorbe CO2 dall’atmosfera, per accontentare chi teme che sia questa la causa dei mutamenti climatici.

Concentriamoci sulla riforestazione, non sulle auto elettriche. Energie alternative solo se aiutano a spendere meno nei costi energetici, non il contrario, e se aiutano ad essere più autonomi sotto questo profilo. Non si tratta di spedire a rottame le nuove tecnologie, ma di ricollocarle nell’ambito di una SOSTENIBILITA’ DELLA RAGIONE, che ben diversa dalla sostenibilità ideologica.

Ing. Franco Puglia
30 maggio 2023

Comment and Declaration
Thank you for the opportunity to comment on the proposed SEC requiring disclosures of climate related risk caused by fossil fuels and CO2. We are career physicists who have specialized in radiation physics and dynamic heat transfer for decades.
In our opinion, science demonstrates that there is no climate related risk caused by fossil fuels and CO2 and no climate emergency.
Further, nowhere in the more than 500 pages of the proposed rule is there any reliable scientific evidence that there exists a climate related risk. None. It refers to the International Panel on Climate Change (“IPCC”), the Task Force on Climate-Related Financial Disclosures (“TCFD”) and other outside groups, but never provides any reliable scientific evidence that supports the rule. The science is just assumed. Therefore, there is no reliable scientific basis for the proposed SEC rule.
Further, contrary to what is commonly reported, CO2 is essential to life on earth.
Without CO2, there would be no photosynthesis, and thus no plant food and not enough oxygen to breathe.
Moreover, without fossil fuels there will be no low-cost energy worldwide and less CO2 for photosynthesis making food. Eliminating fossil fuels and reducing CO2 emissions will be disastrous for the poor, people worldwide, future generations and the country.
Finally, the cost of the proposed rule is enormous and would have no public benefit.
It would increase the reporting burden to companies $6.4 billion, which is 64% more than the $3.9 billion all SEC reporting requirements have cost companies from its beginning in 1934. Id., 87 Fed. Reg., p. 21461.
Thus, the rule must not be adopted or, if adopted, ruled invalid by the courts.

Here’s the science why.
RELIABLE SCIENTIFIC THEORIES COME FROM VALIDATING THEORETICAL PREDICTIONS WITH OBSERVATIONS, NOT CONSENSUS, PEER REVIEW, GOVERNMENT OPINION OR MANIPULATED DATA

Scientific knowledge is determined by scientific method. Prof. Richard Feynman, a
Nobel Laureate in Physics, provided an incisive definition of scientific method:
“[W]e compare the result of [a theory’s] computation to nature, … compare it directly
with observations, to see if it works. If it disagrees with experiment it is wrong. In that
simple statement is the key to science.” The Character of Physical Law (1965), p. 150.
Agreement with observations is the measure of scientific truth. Scientific progress
proceeds by the interplay of theory and observation.
Theory explains observations and makes predictions of what will be observed in the future. Observations anchor understanding and weed out the theories that don’t work.
This has been the scientific method for more than three hundred years.
However, scientific knowledge is not determined by:

Consensus. What is correct in science is not determined by consensus. but by experiment and observations. Historically, scientific consensuses have often turned out to be wrong.
The greatest scientists in history are great precisely because they broke with consensus.
The frequent assertion that there is a consensus behind the idea that there is an impending
disaster from climate change is not how the validity of science is determined to quote the
profoundly true observation of Michael Crichton:
“If it’s consensus, it isn’t science. If it is science, it isn’t consensus.”

Government Opinion. Nobel physicist Richard Feynman put it clearly:
“No government has the right to decide on the truth of scientific principles.”
The Meaning of It All (1998), p. 57.
The importance of scientific principles that government does not determine science was chillingly underscored when Stalin made Trofim Lysenko the czar of Russian biology.
False biology prevailed for 40 years in the Soviet Union because Lysenko gained dictatorial control, providing one of the most thoroughly documented and horrifying examples of the politicization of science. Lysenko was strongly supported by “scientists” who benefitted from his patronage. Millions died as a result. To highlight the dangers of government-dictated science, government-dictated science is referred to here at times as “Lysenko science.”
Peer Review. Peer review can be helpful in many areas of science, but it does not determine scientific validity. Agreement of theoretical predictions with observation or experiment, “the scientific method,” is the real touchstone of truth in science.
In our decades of personal experience in the field we have been dismayed that many distinguished scientific journals now have editorial boards that further the agenda of climate-change alarmism rather than objective science.
Research papers with scientific findings contrary to the dogma of climate calamity are rejected by reviewers, many of whom fear that their research funding will be cut if any doubt is cast on the coming climate catastrophe.
Journal editors have been fired for publishing papers that go against the party line of the climate-alarm establishment.
Alas, peer review of the climate literature is a joke. It is pal review, not peer review.
The present situation violates the ancient principle :
“no man shall be a judge in his own cause.”
Accordingly, all peer reviewed climate publications need to be viewed with skepticism.
Some are right, but many have serious problems with confirmation bias.
Manipulated and Omitted Unfavorable Observations.
Since theories are tested with observations, fabricating and omitting unfavorable facts to make a theory work is an egregious violation of scientific method.
Richard Feynman stated this fundamental principal of scientific method:
“If you’re doing an experiment, you should report everything that you think might make it invalid – not only what you think is right about it.…
Details that could throw doubt on your interpretation must be given, if you know them.” 1974 Caltech commencement address, Surely You’re Joking, Mr. Feynman! (1985), p. 311-12
U.S. Supreme Court on Science. The U.S. Supreme Court has adopted essentially the
same view of science, starting in 1993 with its landmark Daubert decision

SCIENZA E FANTASCIENZA

Il confine tra Scienza e fantascienza appare sempre più labile.
Lo è sempre stato, per la verità: la “scienza” espressa dall’umanità nei secoli passati era frutto più della fantasia che dell’osservazione e misurazione sperimentale e dell’analisi con gli strumenti della matematica, nonostante l’enunciazione di alcune VERITA’ scientifiche da parte dei pochi grandi scienziati del passato.
Poi la conoscenza scientifica è cresciuta a dismisura, assieme agli strumenti a sua disposizione, e la Fisica si è avventurata nei meandri dell’infintamente piccolo come in quelli dell’infinitamente grande.
E qui le VERITA’ SCIENTIFICHE SPERIMENTALI hanno cominciato a rarefarsi, lasciando spazio ad IPOTESI VEROSIMILI, successivamente smentite da altre, e via cantando.
Prendiamo come esempio qualcosa che forse tutti conoscono: il modello dell’atomo, con il suo nucleo a palline (protoni e neutroni) e gli elettroni che gli orbitano intorno.
Qualcuno lo ha mai VISTO? No: è un modello, quello proposto da Niels Bohr, fisico e matematico danese (1885-1962). Un modello presto soppiantato da modelli sempre più complessi, introdotti dallo sviluppo della Meccanica Quantistica.
E sempre di modelli si tratta: cosa sappiamo degli elettroni? Moltissimo e pochissimo.
Parliamo di qualcosa che NON ha massa, che presenta una “carica elettrica” negativa, contrapposta alle cariche positive del nucleo atomico, che può essere visto come un corpuscolo (ma se non ha massa?) oppure come un’onda elettromagnetica (cioè energia), e la sola cosa veramente certa e comprensibile è il suo comportamento come corrente elettrica, confinata in conduttori metallici (ma perché solo nei metalli?) oppure allo stato libero, come elettroni nell’aria, o nello spazio.

La “fisica delle particelle”, poi, ci racconta di tante nuove particelle scoperte nel corso dell’ultimo secolo, dai mesoni, al neutrino, al bosone di Higgs, ma sono tantissime.
Ed alcune sono “fantasmi”, che compaiono nei laboratori di fisica nucleare nel corso di collisioni violente tra particelle, provocate dagli studiosi. Frammenti di materia con una vita inferiore al secondo, che si trasformano in energia radiante.
E se passiamo all’astrofisica le cose sconfinano ancor di più nelle ipotesi, perché le stelle non si trovano nei nostri laboratori, ma a distanze siderali da noi e ciò che vediamo di loro è soltanto la luce partita anche secoli fa, che arriva sulla terra solo adesso, captata dai nostri strumenti. Un mondo lontanissimo, che non esiste più per come lo osserviamo, e del quale conosciamo soltanto la luce ed altre onde elettromagnetiche emessa in passato.
Anche qui ogni ipotesi è lecita, se suffragata da complesse analisi matematiche e da modelli che soltanto gli addetti ai lavori possono capire, scambiandosi informazioni.

Qualsiasi cosa si possa immaginare dello spazio cosmico o della composizione della materia non ci tocca particolarmente, non influisce sulla nostra vita. Ma da qualche tempo una certa scienza è voluta andare OLTRE, immaginando scenari fondati su modelli climatici e su osservazioni analoghe a quelle degli astrofisici, prodotte a terra, con i radiotelescopi, oppure con gli strumenti a bordo dei satelliti artificiali orbitanti.
Tutte cose molto interessanti, ma irritanti quando traggono conclusioni azzardate, a dir poco, interpretando i comportamenti anche brutali del clima terrestre in base a questa modellistica.

L’elemento che traspare da tutti gli studi che sono riuscito a leggere e dalle conversazioni con alcuni studiosi sostenitori del surriscaldamento planetario di natura antropica è che i loro metodi di indagine, i loro modelli, sono sempre QUALITATIVI, MAI QUANTITATIVI.
Un vecchio adagio dice che “una rondine non fa primavera” ; uno stormo, invece, si.

Fare delle misure e delle analisi QUANTITATIVE è estremamente difficile.
Lo so per esperienza, perché è stato il mio lavoro per decenni. Esistono, ad esempio, strumenti diversi per pesare dei materiali, che usano certe tecnologie. Nessuno tra loro è in grado di fare una MISURA ASSOLUTA. Anche la banalissima bilancia a molla, quella che usate per pesarvi o pesare gli spaghetti, richiede una TARATURA, altrimenti i numeri che da ve li potete giocare al lotto. E cosa significa? Che io debbo prendere una cosa chiamata CAMPIONE, che (lo stabilisco io) pesa 1 kg, lo metto sulla mia bilancia e faccio in modo che lo strumento indicatore mostri 1 kg. Se metto sulla bilancia altro, ed indica 0,5 kg, vuol dire che questo è il peso del nuovo oggetto, ma in rapporto al mio campione.
Se il mio campione fosse sbagliato, lo sarebbe anche la mia misura.
Questo vale per TUTTI gli strumenti di misura esistenti. Ogni misura ha un significato se confrontata con la medesima misura di un CAMPIONE, arbitrariamente assunto come riferimento.

Le misure dei climatologi e di quanti si occupano di atmosfera sono spesso fondate su strumenti che NON hanno un campione di taratura. Possono fare rilevamenti qualitativi, ma non quantitativi. Misurano facilmente la temperatura dell’aria, a qualsiasi quota, con i termometri convenzionali, che sono tarabili a zero °C con il ghiaccio fondente, ma già quando si usano termometri IR, all’infrarosso, le cose si complicano notevolmente.
Da satellite non posso misurare la temperatura dell’atmosfera con un termometro a mercurio e debbo utilizzare la termometria IR, cioè dei sensori di raggi infrarossi a bordo dei satelliti che rilevano la radiazione IR trasmessa da un’area del pianeta ed assegnano a questa un corrispondente valore di temperatura.
Ma non è come dirlo: col cambiamento della pressione atmosferica, presenza di umidità, ecc, anche la radiazione IR che arriva al satellite cambia.
E questa cosa, che è la più FACILE, è già molto difficile, ma si fa; immaginatevi misurare altro, come, ad esempio, la QUANTITA’ di energia assorbita dalla CO2 presente in atmosfera; la quantità, non la qualità, cioè la lunghezza d’onda ricevuta sotto un certo angolo di osservazione.
Le misure dei climatologi e di quanti si occupano di atmosfera sono spesso fondate su strumenti che NON hanno un campione di taratura. Possono fare rilevamenti qualitativi, ma non quantitativi. Misurano facilmente la temperatura dell’aria, a qualsiasi quota, con i termometri convenzionali, che sono tarabili a zero °C con il ghiaccio fondente, ma già quando si usano termometri IR, all’infrarosso, le cose si complicano notevolmente.
Da satellite non posso misurare la temperatura dell’atmosfera con un termometro a mercurio e debbo utilizzare la termometria IR, cioè dei sensori di raggi infrarossi a bordo dei satelliti che rilevano la radiazione IR trasmessa da un’area del pianeta ed assegnano a questa un corrispondente valore di temperatura.
Ma non è come dirlo: col cambiamento della pressione atmosferica, presenza di umidità, ecc, anche la radiazione IR che arriva al satellite cambia.
Ricordate le misure di temperatura fatte durante il Covid con i termometri all’infrarosso? Largamente imprecise, perché ogni “fronte” umana emette a modo suo.

E questa cosa, che è la più FACILE, è già molto difficile, ma si fa; immaginatevi misurare altro, come, ad esempio, la QUANTITA’ di energia assorbita dalla CO2 presente in atmosfera; la quantità, non la qualità, cioè la lunghezza d’onda ricevuta sotto un certo angolo di osservazione.
Perché l’obiettivo dei teorici della CO2 gas serra vogliono dimostrare che assorbe energia in maniera crescente e che la riflette verso terra in maniera analoga. E vogliono correlare questo dato con altre misure di temperature sulla terra, fatte non con i termometri a mercurio ma con quelli all’infrarosso ! E queste su un materiale ad elevatissima variabilità di emissione IR come le terre emerse. Attendibilità ? Prossima a zero.
Misure approssimative, poi mediate su tutto il globo, e le variazioni che si pretendono di affermare sono di decimi di grado centigrado.

Fare delle misure quantitative è una cosa molto difficile e con qualsiasi strumento il solo dato attendibile è quello comparativo, usando il medesimo oggetto di misura ed il medesimo strumento, e rilevando le variazioni delle letture al variare quantitativo del campione, che però deve avere la medesima natura, le medesime caratteristiche, mutando soltanto sotto l’aspetto quantitativo. Questa è METROLOGIA DI BASE : ogni misura quantitativa fatta con un qualsiasi strumento richiede un campione di taratura OMOGENEO.
Vale anche nelle misure volumetriche dei gas, ad esempio: uno strumento tarato su un gas non può essere impiegato per un diverso gas, senza una specifica ritaratura.
E le condizioni di temperatura e pressione del gas debbono essere le medesime.
I contatori del metano che viene distribuito nelle città sono dei contatori volumetrici che commettono errori di misura in funzione della temperatura del gas e della pressione di mandata, che a sua volta può dipendere dai consumi del momento, cioè da quanta erogazione di gas viene richiesta. Ma su tutto questo si sorvola, perché non sapremmo come fare diversamente. Qui il danno è solo economico e può essere alternativamente a carico del fornitore o del cliente, ma quando dalle ipotesi sul ruolo di un gas atmosferico nel clima si passa a politiche di limitazione della libertà di consumo e di movimento delle persone in un continente, allora non si può scherzare, eppure lo stanno facendo, e nessuno si ribella davvero.

Ing. Franco Puglia
23 maggio 2023