LA SEPARAZIONE DEI RUOLI

Siamo di fronte al disastro energetico, e la politica lo affronta con l’abituale inadeguatezza di sempre. Manca nella chiacchiera della politica, e dei cosiddetti esperti, la consapevolezza della necessità di distinguere i ruoli, nel settore energetico come in quello della Magistratura (separazione delle carriere), in quello bancario (banche commerciali e banche d’investimento), in quello dei trasporti (reti viarie e mezzi di trasporto).
Analogamente nel settore energetico, dove occorre distinguere tra produzione dell’energia e sua distribuzione.
Certo, qualcosa si è fatto, gli addetti ai lavori conoscono i problemi, ma hanno interessi diversi e conflittuali, che la politica non sa o non vuole sbrogliare.

Cominciamo col dire che tanto l’energia elettrica che il gas viaggiano su una sola rete di distribuzione comune, su filo elettrico ed in tubazioni, a prescindere dalla fonte energetica che immette energia in rete. In Italia abbiamo circa 200 distributori di gas (vedi fonte) che possono coincidere, o meno, con i fornitori con i quali gli utenti stipulano i contratti di fornitura, i quali, a loro volta, possono essere produttori di gas (ENI) o semplici commercianti.
Analogamente per l’energia elettrica, che viene prodotto ovunque ed in qualsiasi forma (centrali termoelettriche, idroelettriche, ad energia solare o eolica) o provenire anche dall’estero (Francia, ecc).
I costi di distribuzione, come quelli di produzione, possono essere radicalmente diversi, ma il bene energia viene venduto a prezzi di mercato, quale che sia la fonte o il canale di distribuzione, indipendentemente dai costi di produzione, che possono essere radialmente diversi.
Ecco che produrre in Italia o acquistare all’estero può fare poca differenza per l’utente finale, mentre fa molta differenza per il produttore.
In teoria la concorrenza dovrebbe portare a differenziare l’offerta, ed i prezzi, ma non accade realmente, e quando accade, o pare che accada, l’incidenza delle differenze viene sensibilmente ridotta dal peso fiscale di accise, IVA e quant’altro.
Nel caso del gas metano, poi, il prezzo viene condizionato dagli acquisti alla Borsa di Amsterdam, dove il prezzo della materia prima è sensibilmente superiore a quello di altre borse mondiali, per la medesima materia prima.
La materia è molto complessa: noi stringiamo accordi commerciali con i produttori, come sistema paese, ma al popolo non è dato di sapere se questo coincide con vantaggi economici, e quali, e per chi, oppure rappresenta soltanto una relativa garanzia di disponibilità di quel bene, quale che ne sia il prezzo.

Per quanto attiene all’elettricità, questa viene distribuita in concessione statale da Terna SpA, su tutto il territorio nazionale.
In passato era Enel, oggi classificato solo come produttore.
Quindi nel settore elettrico esiste una separazione dei ruoli più visibile, ma questo non impedisce che il costo dell’elettricità all’utente sia comunque uniforme, quale che sia la fonte di energia.
Ecco che allora l’energia solare, il cui costo di produzione dovrebbe essere legato al solo ammortamento degli investimenti e della manutenzione, non è diverso da quello dell’energia elettrica prodotta da una centrale termoelettrica.
E sopra ai costi, naturalmente, le tasse …

La crisi energetica attuale, anche aggravata dal conflitto con la Russia, richiederebbe alcune politiche drastiche:

1. Azzeramento di qualsiasi imposizione fiscale, IVA inclusa, sul prezzo dell’energia all’utente finale, limitando il carico fiscale alla produzione di profitti delle imprese lungo la filiera produttiva e distributiva, come per le imprese di altri settori di mercato.

2. Separazione netta dei ruoli di distribuzione fisica e vendita di energia, anche per il gas, come già per l’elettricità, con addebito diretto del prezzo del servizio di distribuzione, elettrica o gassosa, da parte dei gestori, anche con consumo zero, purché allacciati e provvisti di contatore in funzione.

3. Contratti separati tra utente finale della fonte energetica e produttore o commerciante, messi in concorrenza sul mercato, con abolizione di qualsiasi incentivo rivolto a specifiche modalità di produzione di energia, per non manipolare il mercato.
Qui sorge la tentazione di incidere sui produttori di energia a basso costo che, lucrano sui prezzi elevati prevalenti, dipendenti da altre fonti, allineandosi a queste. Sarebbe una politica pericolosa, che scoraggerebbe anche investimenti in tali fonti di energia, che offrono la prospettiva di maggiori guadagni. Al contempo non va dimenticato che ogni centrale di produzione ha un impatto ambientale considerevole, che si tratti di un bacino idroelettrico, di una centrale termoelettrica, di pale eoliche o di pannelli solari.
Questo ci fa capire che questo mercato non può neppure essere totalmente libero, perché condizionato dalla disponibilità ambientale e quindi da concessioni pubbliche attente.
Questo vincolo ambientale ci offre una chiave di intervento non troppo restrittiva della concorrenza, ma abbastanza restrittiva da poter condizionare il prezzo massimo di vendita dell’energia di quella fonte in rapporto ai costi di produzione.
Manovrando saggiamente su queste leve (profitti attraenti e limitazioni al prezzo di vendita) si potrebbe stimolare una proliferazione delle fonti energetiche di qualsiasi natura, collocate sul suolo nazionale, favorendo quella maggiore autonomia energetica che la guerra russo-ucraina ci ha dimostrato essere vitale per noi.

Ing. Franco Puglia
28 agosto 2022

EUROPA SUICIDA

L’Unione Europea si trova di fronte a tutte le sue fragilità, messe in prorompente evidenza dal simultaneo prodursi di crisi su più fronti: siamo partiti con quello epidemico, per proseguire con inflazione monetaria, crisi energetica, crisi bellica, siccità.
Un insieme di concause capaci di mettere in ginocchio qualsiasi organizzazione sociale, ma tanto più grave perché si scatena contro un territorio e contro popolazioni che non erano preparate ad affrontare eventi catastrofici di tale portata, per di più simultaneamente.
La fragilità dipende dal non aver consolidato un percorso iniziato molti decenni fa, quello dell’Unione, usandolo strumentalmente per dare soddisfazione ad interessi nazionali di bottega e, peggio ancora, a visioni ideologiche astratte e funzionali alla remunerazione di alcuni interessi personali, prima, poi allargati ad interessi economici più consistenti, poi politici, quindi ancora economici in maniera più diffusa.
L’Unione ha concentrato la propria attività sulla produzione di norme totalmente marginali sotto il profilo degli interessi fondamentali della popolazione, senza intervenire in alcun modo sui grandi temi storici del momento, come una organizzazione comune di contrasto al fenomeno migratorio, una politica estera univoca, una sola difesa europea, sostitutiva di quelle nazionali, una sola politica energetica, un superamento della condizione di governo comunitario, oggi affidato ad una “commissione” dei paesi membri con diritto di veto anche di un solo paese, ecc.

Questa Unione burocratica è fragile in se, e di fronte alle catastrofi che si sono abbattute sul continente, una dopo l’altra, ha mostrato tutta la sua impotenza. La pandemia è stata affrontata più o meno da tutti i paesi europei malamente, e comunque con politiche diverse; la crisi energetica ha scatenato le ovvie rincorse nazionali individuali per garantire la propria sopravvivenza, e di coordinamento europeo si parla, adesso, ma costruire un sistema davvero integrato, che non penalizzi qualcuno a favore di altri, richiede molto tempo.

La crisi energetica, determinata anche da quella bellica, ha fatto scoprire a tutti la fragilità della dipendenza energetica da fonti nelle mani di paesi inaffidabili, è stata aggravata dall’accantonamento determinato da motivi ideologici di qualsiasi politica energetica che non rispondesse ai criteri della New Green Economy, una truffa colossale che, partendo da principi astratti, in se encomiabili, ha manipolato la realtà, disconoscendo i limiti oggettivi delle cosiddette fonti rinnovabili di energia (in pratica solo solare ed eolico) abbattendo il potenziale produttivo delle fonti fossili e nucleari, con la dismissione di innumerevoli centrali, ingannando se medesimi e l’intera popolazione europea con il mito di un impiego esclusivo di energia elettrica senza neppure voler immaginare come si potesse produrla e distribuirla, e tutto questo perché la combustione dei derivati del carbonio, e del carbone in primis, sarebbero clima alteranti, oltre che inquinanti dell’atmosfera.

La riduzione dell’inquinamento dell’aria, intrinseca all’impiego del metano al posto dei derivati del petrolio, ci ha consegnato con le mani ed i piedi legati a pochi produttori, come la Russia, con i quali si possano realizzare gasdotti di collegamento, laddove il petrolio, come il carbone, sono materiali più facilmente trasportabili da qualsiasi parte del mondo.
Ma non basta neppure, perché anche il metano produce CO2 e quindi la narrazione europea, che immagina la CO2 e le fughe di metano come responsabili di cambiamenti climatici, ci conduce ad una progressiva riduzione del potenziale produttivo anche da queste fonti, perché la lotta al riscaldamento globale è in primo piano.

Nel frattempo il pianeta se ne frega e continua a regalarci climi dirompenti, almeno nell’emisfero nord, con una siccità di biblica memoria, accompagnata da tempeste isolate che non risolvono il problema della siccità ma producono solo danni ingenti.
Il calore bruciante sta distruggendo le nostre riserve estive di neve e ghiaccio, i fiumi sono in secca, i campi sono distese aride, dove l’acqua manca, e manca persino l’acqua di raffreddamento delle centrali di produzione di energia, comprese quelle nucleari.

Ma se è vero come i soloni europei sostengono, che siamo noi a surriscaldare il pianeta, ciò che chiediamo e di poter continuare a farlo, perché la nostra fame di energia è crescente, perché abbiamo bisogno di “sviluppo”, e lo sviluppo chiede più energia, non di meno, e tutta questa energia, questa è la sola cosa certa, contribuisce al riscaldamento atmosferico, in maniera diretta, perché viene integralmente trasferita all’atmosfera al termine di tutti i processi di utilizzo. Non sappiamo se il nostro contributo antropica sia abbastanza importante da alterare visibilmente il clima, ma se lo è, è certamente questo contributo diretto ad alterare il clima, sommandosi al contributo solare, certamente non quello ipotetico, e scientificamente infondato, determinato dai cosiddetti gas serra, presenti in quantità risibile nell’atmosfera (molto meno dell’1% della composizione dell’aria).

La siccità, quindi, contribuisce a ridurre la disponibilità di fonti di energia, a partire dall’idroelettrico, ed il prezzo delle materie prime, intese come combustibile fossile, sale alle stelle, quello del gas in particolare, visto che abbiamo ridotto drasticamente l’impiego di carbone e di petrolio.
Così il prezzo del gas va alle stelle e le aziende energivore, che sono tante, non sono in grado di fare fronte ai rincari, ed hanno la chiusura come unica prospettiva realistica.
Così avremo un crollo della produzione e dell’occupazione, un crollo dei consumi, un aumento dei costi della solidarietà sociale, e quindi dell’indebitamento, mentre si avvicina un gelido inverno, forse non per temperature estreme verso il basso, ma per la difficoltà di fare fronte al riscaldamento invernale.
Negli infiniti condomini delle città molta gente non potrà pagare i costi del riscaldamento, diventando morosa nei confronti degli altri condomini, e questo in una condizione di possibile razionamento dell’erogazione di energia: poca energia ed a caro prezzo.

Tutto questo mentre la guerra in Ucraina non vede ancora un qualsiasi sbocco, avviandosi a diventare endemica, mentre crescono le tensioni internazionali e la voglia diffusa di mettere fine a tutto questo con conflitti di dimensione internazionale capaci di rovesciare lo status quo in un modo o nell’altro, magari ricorrendo anche all’opzione nucleare “tattica”, che ci porta poi rapidamente a quella “strategica”.

In mezzo a questo scenario devastante agiscono i “pupi” della politica italiana, mettendo in scena, da brave marionette quali sono, la rappresentazione della nostra nullità intellettuale e civile diffusa.
E la popolazione, disinteressata, quando non attonita, attende l’inevitabile, raccontandosi consolatoriamente che forse la tempesta cambierà percorso e che i profeti di sventura varranno smentiti.

Ing. Franco Puglia

17 agosto 2022